Home Page

A Cuneo


A Bernezzo, Busca e Costigliole





L'ASD La Piccola Foresta nasce nel 2003 a Cuneo, fondata dai maestri Guido Cesano e Paolo Lovera con un piccolo gruppetto di 5 allievi-bambini. 

Ma perchè Piccola Foresta?

Semplicemente perchè Shaolin, il celeberrimo monastero in cui si dice che sia nato il kung fu, significa letteralmente Piccola Foresta (o giovane foresta) ed inoltre perchè siamo nati piccoli (in pochissimi) e con i piccoli (allievi tutti bambini).

In oltre 10 anni di attività la piccola scuola è cresciuta moltissimo, partecipando ad attività a livello nazionale ed internazionale ed attualmente è strutturata in 4 sedi:
 

Cuneo - Paolo Lovera/Luca Cerato

Bernezzo, Busca e Costigliole - Guido Cesano


Inizialmente la scuola portava avanti lo stile di Binh Dinh, arte marziale tradizionale del Vietnam, ma nel corso degli anni, seguendo anche le indicazioni degli istruttori si è aperta a nuovi stimoli.
Se da una parte si sviluppavano Vo-Co-Truyen e Vat, dall'altra ci si muoveva sulle linee del Wing-Chun e del Systema Russo, per una continua trasmutazione dell'Arte.

Il metodo di insegnamento e apprendimento si basa su tre punti principali:
  • centrato sullo studente
  • apprendimento cooperativo (cooperative-learning) e collaborazione tra insegnanti e praticanti
  • nuove tecnologie (video, facebook...)
Nel 2011 la scuola è entrata sotto l'influenza del Viet-Chi International del G.M. Phan Hoang e l'anno successivo i due fondatori hanno ottenuto il riconoscimento di maestri di Vo-Viet.

Il G.M. Phan Hoang riconosce per l'ASD La Piccola Foresta la pratica di due discipline:
Vo-Viet - Arte Marziale Vietnamita
Noi-Cong - Potenza Interiore

Attualmente l'ASD La Piccola Foresta è attivamente impegnata nello sviluppo del Vo-Viet e del Vinh-Xuan in Italia.

Alcune parole di GM Phan Hoang sulla nostra Scuola.


Io venni la prima volta a Cuneo lo scorso anno, il 19 aprile 2012. Avvicinandoci a questa antica città provenienti da Torino non abbiamo visto nulla che potesse farci dire che stavamo entrando in una città; la strada sembrava terminare davanti a una bella montagna, una montagna con la neve in cima. 

Ma pochi istanti dopo, ho sentito subito che questo posto mi piaceva, la gente, le strade strette, il viale centrale, tutto molto bello.

Non posso dire che Cuneo è una città tipicamente italiana, perchè qualsiasi città in Italia è sempre molto italiana.

Tuttavia Cuneo, questa antica città italiana, ha un posto speciale nel mio cuore:
 

"Un luogo di speranza, un ponte tra passato e futuro".

Sotto la guida di due giovani maestri l'intero gruppo è pieno di studenti entusiasti. 

Un maestro è un insegnante di matematica, l'altro è uno psicologo, l'addestramento è duro, ma lo spirito è alto.

Vogliono preservare gli alti valori del passato e applicare nuove metodologie alla nostra arte come disciplina per insegnare ai cittadini moderni ad essere forti, responsabili e disponibili.

Ogni volta che vengo per addestrarli, sono entusiasta e mi sento diventare più giovane.

Hanno scelto un nome vietnamita per il loro gruppo: VO-VIET DAI-BANG che significa "L'aquila delle arti marziali vietnamite"

Charles Phan Hoang (Canada, dicembre 2013)

Nessun commento: